C’è una parte di utenti che vuole comprare Twitter

Social Media Site Twitter Debuts On The New York Stock Exchange

La salvezza di Twitter potrebbero essere i suoi utenti. Non perché siano in crescita: lo sono, ma ad un ritmo troppo lento per produrre abbastanza profitti pubblicitari. Gli utenti potrebbero rivelarsi la salvezza del social network perché potrebbero diventarne i proprietari.

L’idea di trasformare Twitter in una piattaforma cooperativa è di Nathan Schneider, che l’ha lanciata in un articolo sul Guardian. Il concetto è semplice: se il valore di Twitter è generato dai suoi utenti, perché questi non dovrebbero controllarlo? La piattaforma conta oggi oltre 300 milioni di iscritti: se ciascuno contribuisse con 40 dollari a testa si avrebbe ciò che serve per acquistare la società, che al momento vale intorno ai 12 miliardi di dollari. Oppure si potrebbero mettere insieme i 3 milioni di “superutenti” (i più attivi) che, con duemila dollari a testa, potrebbero formare una maggioranza relativa in grado di influenzare le decisioni della piattaforma.

Dalla proposta di Schneider, esperto di economia cooperativa, è nata in rete una discussione con l’hashtag #WeAreTwitter, presto trasformata in una vera e propria campagna: su Loomio e su Slack si può partecipare a tavoli di lavoro sull’argomento, mentre su Change.org è stata lanciata una petizione disponibile anche in italiano, tedesco e francese. Emblematico il nome: Free Twitter from Wall Street. Il primo obiettivo è fissato a cinquemila firme, per ora i sostenitori sono 3.304.

Twitter ha bisogno di trovare in fretta un piano per tirare avanti. La società fondata otto anni fa da Jack Dorsey ha chiuso i conti del terzo trimestre del 2016 con una perdita di 102 milioni e ha dovuto tagliare il 9% della forza lavoro (circa 300 posti) nell’ottica di una ristrutturazione dell’azienda. Da luglio a settembre gli utenti attivi sono cresciuti del 3%, più del previsto, e le entrate pubblicitarie sono aumentate del 6%. Non abbastanza, tuttavia, per rilanciare la piattaforma, che anche l’anno scorso era stata costretta a ridruri il numero dei dipendenti. Di recente Twitter aveva assegnato ad alcune banche d’affari un mandato esplorativo per farsi acquistare: secondo alcune indiscrezioni aveva suscitato l’interesse di Salesforce, Walt Disney e Alphabet, ma poi tutte e tre si sono tirate indietro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...