CoHub: la casa dello sharing (condivisa e co-arredata) è a Milano

Una casa per la sharing economy, a Milano. Cento metri quadri in vicolo Calusca, traversa di corso di Porta Ticinese, proprio dietro la Darsena nuova di zecca. E nuovo di zecca è anche CoHub, lo spazio riqualificato dall’amministrazione comunale e inaugurato lo scorso marzo, già ribattezzato «la Casa della collaborazione».

Viaggiare gratis? Sì può, barattando una camera con ciò che si sa fare

C’è chi chiede in cambio un concerto di canzoni popolari, chi lezioni di vela, chi semplicemente la riparazione di un rubinetto o lavori di giardinaggio. Tanti scambiano ospitalità con ospitalità, altri ancora stilano una vera e propria lista dei desideri: forno nuovo, play station, vino e olio extravergine.

Giornalismo e crowdfunding, le esperienze di Occhi della Guerra e Valigia Blu

Si chiude tra 47 giorni, ma è già finanziata per il 116% l’ultima campagna di crowdfunding di Gli occhi della guerra. Più di 23mila euro raccolti in tre mesi e mezzo per raccontare le storie dei cristiani perseguitati nel mondo: dal Medioriente all’Africa, dall’Asia all’Europa degli attacchi terroristici.

Sharing economy e razzismo: Uber e AirBnb, abbiamo un problema

Le app di sharing economy mettono tutti d’accordo (almeno gli utenti, un po’ meno i concorrenti). A chi non piace trovare la casa per le vacanze su AirBnb o prenotare un passaggio in macchina su Uber? Eppure da uno studio condotto da MIT, Stanford e University of Washington e pubblicato lunedì, questi colossi della condivisione fomenterebbero le discriminazioni razziali.